È difficile osservare il crescente interesse per il cibo asiatico dopo essermi vergognato della mia cultura da bambino

Ognuno ha una manciata di ricordi dolorosi da ricordare. Ho un pugno di ricordi avvolti nel senso di colpa e nella vergogna. Questi ricordi giacciono nel profondo della mia pancia e, tra questi ricordi più oscuri, ce ne sono molti collegati all'essere asiatico-americano. Tra i sudari, ricordo di essere stato deriso per i miei occhi e di essere stato detto di 'tornare da dove vengo'.

Ad essere sincero, crescere asiatico-americano è stato difficile per me. Sono cresciuto all'inizio degli anni 2000 in un mondo passato in cui spesso mi sentivo emarginato dai miei compagni di classe. Sebbene non tutti gli asiatici americani o il BIPOC condividano la mia esperienza, sulla base delle mie conversazioni sincere con i miei coetanei, sembra che ci sia la sensazione che alcuni di noi condividano questo è un sentimento di vergogna. Che si tratti di vergogna per le nostre caratteristiche corporee o per la nostra eredità, questa sensazione, ho sentito molte volte, si trova nei recessi delle nostre pance. La mia vergogna è spesso legata alla mia eredità coreana e ai cibi 'pungenti' che mangiamo.

che hobby dovrei dedicarmi?

All'inizio degli anni 2000, il cibo asiatico non era così popolare come lo è oggi. Le graffette asiatiche anglo-cizzate, come Orange Chicken e California Rolls, erano in giro e accettate, ma asiatici e il loro cibo autentico erano non . Sto parlando di Asian Barbeque, Hot Pot, Xiao Long Bao, Dduk Gook. La mia famiglia mi ha insegnato che se avessi mangiato cibo coreano in pubblico, la gente mi avrebbe evitato. La vergogna che ho provato è iniziata in giovane età.





Ricordo la notte in cui ho saputo che il mio cibo coreano non era stato accettato. Era una fresca 'serata scolastica' di settembre. Ero in prima elementare e avrei vissuto il mio primo periodo di pranzo da quando mi sono diplomata all'asilo.

Fonte: Shutterstock



La mia famiglia aveva appena finito una pentola gigante di Kimchi Jigaae (uno stufato piccante e piccante a base di kimchi fermentato acido e manzo). Dopo aver lavato la mia ciotola, ho dichiarato: 'Domani lo porto a pranzo'.

In risposta, mia madre ha subito affermato che, in effetti, non l'avrei portato a pranzo domani ... o mai più. Il suo ragionamento era che i miei compagni di classe per lo più bianchi e non immigrati mi avrebbero preso in giro per una serie di motivi. Lo ha rotto per me abbastanza rapidamente:

  1. 'Ha un odore troppo forte'
  2. 'Ha un sapore strano rispetto a un tipico panino al burro di arachidi'
  3. 'I tuoi compagni di scuola semplicemente non ce la fanno'

Nella cultura coreana e in molte culture, il cibo viene celebrato e il tempo in famiglia può significare cucinare e mangiare insieme. Nella cultura coreana, il cibo è la nostra cultura. Dopotutto, fare kimchi con tutta la tua famiglia in autunno è un rituale chiamato Kimjang .



la presa di deborah logan guarda online

Sapevo che il cibo era un grosso problema per la mia famiglia da quando ricordavo, ma dopo aver sentito mia madre spiegare che il nostro cibo non sarebbe stato accettato, ho capito qualcos'altro. Alla tenera età di 5 anni, ho imparato che la società non accettava chi fossi a causa della mia eredità e razza. Dopo tutto, se il mio cibo e la mia cultura non fossero stati accettati, come potrei essere accettato?

Con il passare degli anni, restavo in silenzio mentre i miei coetanei non POC ridevano al pensiero dei coreani che facevano il 'barbecue' e storcevano il naso al mahndoo fatto in casa (altrimenti noto come gnocchi coreani). Di tanto in tanto sarei stato anche il bersaglio dello scherzo mentre la gente mi chiedeva se mangiavo cani o no.

Alla tenera età di 5 anni, ho imparato che la società non accettava chi fossi a causa della mia eredità e razza.

Fonte: Alejandra Cifre González | Unsplash

Ci sono voluti fino al mio ultimo anno di liceo perché accadesse qualcosa di strano. Una delle mie amiche ha detto che ha provato il cibo coreano per la prima volta e l'ha adorato. Da allora, i miei amici mi hanno chiesto di andare al barbecue coreano con loro, o mi hanno chiesto come usare correttamente le bacchette.

siti di incontri per persone grasse

Negli anni è stato difficile guardare i miei amici abbracciare la cultura asiatica a braccia aperte. C'è una frustrazione di fondo che deriva dal dolore di dover nascondere la mia identità per così tanto tempo. Ancora più importante, la mia frustrazione risiede anche nel modo in cui gli asiatici americani sono stati trattati negli Stati Uniti negli ultimi 150 anni.

È stato difficile guardare i miei amici abbracciare la cultura asiatica a braccia aperte. C'è una frustrazione di fondo che deriva dal dolore di dover nascondere la mia identità per così tanto tempo.

In passato, l'aumento della consapevolezza della cucina asiatica è derivato dalle storiche ondate di immigrazione. Il presidente Lyndon Johnson Legge sull'immigrazione e la naturalizzazione del 1965 consentito per più asiatici per emigrare finalmente negli Stati Uniti, inclusa l'immigrazione della mia famiglia. I migranti quindi ha esposto gli americani non asiatici a nuove cucine.

L'Immigration and Naturalization Act del 1965 è qualcosa che mi ha sempre fatto rabbrividire. Sebbene sia lodato per aver posto fine a un sistema di immigrazione basato sulle quote, ho sempre pensato che fosse un ricordo di illeciti nei confronti della comunità asiatica. Dopotutto era il Chinese Exclusion Act del 1882 ciò non consentiva agli immigrati cinesi negli Stati Uniti (più tardi, nel 1924, altri asiatici orientali, sudorientali e meridionali è stato impedito anche l'immigrazione ). La legge sull'esclusione, la prima legge federale a limitare l'immigrazione in base alla nazionalità, trasformata in seguito in una restrizione per razza. Ci volle fino al 1943 perché l'Exclusion Act venisse abrogato, e durante il XIX secolo c'era persino uno stereotipo persistente che i cinesi mangiavano ratti .

Avanti veloce fino ai giorni nostri, quando il Pew Research Center ha notato nel 2017 che ci sono 20 milioni di asiatici americani negli Stati Uniti e le vendite di ristoranti fast-food asiatici negli Stati Uniti lo hanno fatto aumentato del 135 per cento dal 1999.

Fonte: Matthieu Joannon | Unsplash

Questa crescita del cibo asiatico negli ultimi anni è stata sbalorditiva. Ma dopo anni di ridicolizzazione degli asiatici, come posso non provare frustrazione per questo crescente interesse per il cibo asiatico? Perché mostrare interesse adesso? Qual e il punto?

Dopo essere stato evitato per il mio cibo asiatico e la mia eredità per tutta la vita, ora l'attuale esotismo e meraviglia nei confronti della cucina asiatica è qualcosa che mi fa trasalire. Quando i miei amici dicono che vogliono provare cibo asiatico più autentico, non posso fare a meno di sentire come se stessero strofinando il sale su una vecchia ferita. Dov'era questa accettazione e amore per questo cibo quando ero bambino.

le barrette proteiche sono salutari per te?

Dato il mio disagio, ho chiesto ai miei coetanei asiatici cosa ne pensassero dell'attuale aumento di popolarità del cibo asiatico.Kevin Chen, un tawainese-americano, ha detto: “Le persone sono più consapevoli delle culture ora. È solo difficile perché non è qualcosa che accadrà dall'oggi al domani. Si tratta più di portare il messaggio [sul cibo asiatico] e fare in modo che le persone siano più consapevoli di queste culture e della loro profondità '.

Chen ha continuato: 'Non è facile. Ho avuto un collega che ha detto che un certo tipo di cucina asiatica, il Sichuwan, è superiore a tutto il cibo asiatico, e non puoi semplicemente cancellare un'intera cultura come quella. Non puoi solo classificare le culture. La cucina di ogni cultura è diversa. '

Il cauto ottimismo di Chen nei confronti del crescente interesse per il cibo asiatico rispecchia il mio. È difficile immaginare un luogo in cui le persone stiano diventando più accoglienti nei confronti della comunità asiatica. La loro curiosità è spesso quella che guardo con stanchezza. Questa stanchezza deriva dalla paura dei commenti sprezzanti e da un muro di vergogna. Tutto ciò a cui si riduce davvero è il desiderio di essere rispettati per la propria cultura e identità.

Dopo essere stato evitato per il mio cibo asiatico e la mia eredità per tutta la vita, ora l'attuale esotismo e meraviglia nei confronti della cucina asiatica è qualcosa che mi fa trasalire. Quando i miei amici dicono che vogliono provare cibo asiatico più autentico, non posso fare a meno di sentire come se stessero strofinando il sale su una vecchia ferita. Dov'era questa accettazione e amore per questo cibo quando ero bambino.

Fonte: Filippo Faruffini | Unsplash

come fare amicizia con sconosciuti

Harinder Kaur, un'indiana americana, aveva pensieri diversi mentre rifletteva sulla sua infanzia. Kaur ha detto: “Crescendo, volevo essere più bianco e accettato. Quando siamo arrivati ​​in America, non avevamo nemmeno vestiti 'americani'. Ho visto più razzismo attraverso il modo in cui guardavo, non sul cibo. Penso di essermi sentito più a mio agio ad accettare la mia cultura, ma c'è di più oltre al cibo e al razzismo '.

La storia di Kaur è quella che vale per molte famiglie asiatiche oggi, compresa la mia. Il tentativo di assimilarsi alla cultura bianca mostra la quantità di vergogna che nutriamo nei confronti delle nostre culture asiatiche.

Sebbene Kaur e Chen possano non riflettere l'intera comunità asiatica americana, condividono un sentimento che deve essere ascoltato più forte durante questi tempi difficili. Questo sentimento è che le storie asiatiche devono essere ascoltate di più e accettate di più nella società, ma ancora più importante, noi asiatici dobbiamo essere più orgogliosi di ciò che siamo. Credo davvero che questa sia l'unica via da seguire. Dopo anni passati a nasconderci e provare vergogna nelle nostre pance, credo che sia ora che finalmente siamo orgogliosi insieme.

Forse questo può essere un nuovo passo verso una maggiore uguaglianza e comprensione. Invece di concentrarci esclusivamente sul nostro passato, è tempo di discutere e riflettere su quello che può essere il nostro futuro come nazione, asiatica o meno.